Numero 09/2020

1 Marzo 2020

Crauti veloci con wurstel e birra

Crauti veloci con wurstel e birra

Tweet


Oggi vi proponiamo una ricetta semplice, ma molto gustosa. Tre soli ingredienti la compongono: il cavolo cappuccio, un ortaggio ricco di numerose proprietà benefiche e che può essere cucinato in molti modi, come tutti gli ortaggi di questa famiglia (fondamentale nelle nostre cucine in inverno), il würstel, che deve essere di buona qualità, possibilmente di puro suino, e ovviamente la nostra amata birra che con questo piatto si sposa a meraviglia.

.

.

Ingredienti:

  • 800 g cavolo cappuccio
  • 2-3 wurstel
  • 1 bottiglia birra (33cl) (io ho usato una saison)
  • 1 scalogno (facoltativo)
  • q.b. olio evo
  • foglia di alloro
  • ginepro (facoltativo)
  • q.b. sale
  • q.b. pepe

 

Procedimento

Affettate lo scalogno e fatelo appassire per qualche minuto in una padella con dell’olio evo. Pulite e tagliate il cavolo a listarelle, aggiungetelo al soffritto. Appena sarà appassito aggiungete la birra e fate cuocere per 30 minuti a fuoco basso girando di tanto in tanto. Aggiungente anche una foglia di alloro, qualche bacca di ginepro e sale. Se necessario aggiungente anche un po’ di acqua calda. Infine, aggiungete i wurstel e cuocete per altri 10 minuti. Una volta pronti serviteli ben caldi con una spolverata di pepe nero sopra e accompagnateli con un’ottima birra!

.

.

 

Cheers!

Tweet


Info autore

Lina Zadorojneac

Nata in Moldavia, mi sono trasferita definitivamente in Italia per amore nel 2008. Nel 2010 e 2012 sono arrivati i miei due figli, le gioie della mia vita: in questi anni ho progressivamente scoperto questo paese, di cui mi sono perdutamente infatuata. Da subito il cibo italiano mi ha conquistato con le sue svariate sfaccettature, ho scoperto e continuo a scoprire ricette e sapori prima totalmente sconosciuti. Questo mi ha portato a cambiare anche il modo di pensare: il cibo non è solo una necessità, ma un piacere da condividere con la mia famiglia e gli amici. Laureata in giurisprudenza, diritto internazionale e amministrazione pubblica, un master in scienze politiche, oggi mi sono di nuovo messa in gioco e sono al secondo e ultimo anno del corso ITS Gastronomo a Torino, corso ricco di materie interessanti e con numerosi incontri con aziende produttrici del territorio e professionisti del settore. Il corso ha come obiettivo la formazione di una nuova figura sul mercato di oggi: il tecnico superiore per il controllo, la valorizzazione e il marketing delle produzioni agrarie e agro-alimentari. Così ho iniziato a scrivere per il Giornale della Birra, occasione stimolante per far crescere la mia professionalità.