Numero 03/2020

13 Gennaio 2020

Honey Ale di B2O, un debutto da oro!

Honey Ale di B2O, un debutto da oro!

Tweet


Debutto di successo per la nuova Honey Ale del birrificio artigianale B2O: l’ultima nata del birrificio della Brussa (Caorle) si è infatti aggiudicata il Luppolo d’Oro per la sua categoria al Best Italian Beer, premio promosso da FederBirra e patrocinato dal Ministero dell’Agricoltura.
Una birra che parla del territorio, anche al di là del cereale coltivato in loco da B2O: nota caratterizzante è infatti l’utilizzo di miele di barena, tipicità del litorale veneto e presidio Slow Food, fornito dall’azienda jesolana Pierobon Luciano.

.

.

Un prodotto in cui il birraio Gianluca Feruglio e il suo staff hanno creduto sin dai primi assaggi: «Abbiamo inviato le bottiglie al concorso ancor prima di commercializzarla – racconta –, e devo dire che ha ottenuto l’accoglienza che speravo. Fare una birra al miele è una bella sfida, soprattutto per quanto riguarda il trovare il giusto equilibrio affinché la componente dolce non risulti stucchevole: ed è stato infatti soprattutto su questo che mi sono concentrato, valorizzando anche le componenti balsamiche e amarognole del miele stesso».
La Honey Ale sarà ora disponibile anche in birrificio e nei locali selezionati, forte dell’interesse già manifestato sia dal pubblico che dagli operatori di settore dopo la notizia del premio.
Il Best Italian Beer ha poi riservato altre due soddisfazioni a B2O: il Luppolo d’Argento alla blanche Terra (già premiata con 4 stelle ai Beer Awards di Londra), e l’Etichetta d’Argento per il packaging sempre alla stessa birra.

.

.

 

Una notizia che arriva peraltro nel periodo giusto, dato che proprio la stagione invernale è quella in cui arrivano a maturazione le arance: nella fattispecie quelle biologiche dell’azienda siciliana La Collina delle Arance, di cui B2O utilizza le scorse per aromatizzare la Terra e la polpa per le marmellate.
Le produzioni di B2O si confermano quindi come capaci di imporsi sul panorama nazionale: al Best Italian Beer avevano infatti già fatto parlare di sé la Weizen Jam Session, Luppolo d’Oro nel 2015; la Irish Red Ale Brussa, Luppolo d’Oro nel 2016, così come la Stout Renera; e la Pilsner Gabi, Luppolo d’Argento sempre nel 2016.

Info: www.birrificiob2o.com

Tweet


Info autore

Chiara Andreola

Veneta di nascita e friulana d’adozione, dopo la scuola di giornalismo a Milano ho lavorato a Roma – dove nel 2009 ho conseguito il titolo di giornalista professionista – e a Bruxelles al DG Comunicazione della Commissione Europea. Lì sono iniziati i miei primi timidi approcci con la birra, tra cui la storica Bush de Noel che ha finito per mettere il sigillo definitivo alla storia d’amore tra me e il mio futuro marito – e già da lì si era capito che una storia d’amore era nata anche tra me e la birra. Approdata a Udine per seguire appunto il marito, qui ho iniziato ad approfondire la mia passione per la birra artigianale grazie al rapporto in prima persona con i birrai – sia della regione che più al largo – e i corsi di degustazione tenuti dal prof. Buiatti all’Università di Udine; così dal 2013 il mio blog è interamente dedicato a questo tema con recensioni delle birre e resoconti delle miei visite a birrifici, partecipazioni ad eventi e degustazioni. Le mie collaborazioni con pubblicazioni di settore come Il Mondo della Birra e Nonsolobirra.net, con eventi come la Fiera della Birra Artigianale di Santa Lucia di Piave e il Cucinare di Pordenone, e la conduzione di degustazioni mi hanno portata a girare l’Italia, la Repubblica Ceca, il Belgio e la Svezia. Ora sono approdata anche al Giornale della Birra, un altro passo in questo mio continuare a coltivare la mia passione per il settore e la volontà di darvi il mio contributo tramite la mia professione.