Numero 47/2021

28 Novembre 2021

Tagliolini al nero di seppia alla pils

Tagliolini al nero di seppia alla pils

Tweet

Tag:, ,

Ecco la vostra lista della spesa per preparare gli spaghetti al nero di seppia per 4 persone. Per il nero, potete sia usare la sacca interna della seppia, sia acquistare le bustine di nero che trovate nel banco frigo dei supermercati. Nel primo caso, il sapore di mare sarà ancora più intenso.

Ingredienti:

350 grammi di spaghetti
Una seppia grande di 700/800 grammi
La sacca del nero della seppia o 2 bustine da 4 grammi ciascuna
2 spicchi d’aglio

33cl di birra pils

una manciata di pomodorini
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
Prezzemolo
Peperoncino
Sale e pepe

Preparazione:

Una volta pulite le seppie, il procedimento da seguire per il vostro piatto è semplice e veloce. Infatti vi conviene preparare il sugo delle seppie dopo aver messo sul fuoco la pentola con l’acqua per cuocere gli spaghetti.

Tritate l’aglio finemente e lasciate rosolare in padella con l’olio extravergine d’oliva per un minuto. Aggiungete la seppia tagliata a listarelle e i tentacoli che avevate da parte. Salate, pepate e aggiungete un po’ di prezzemolo tritato e del peperoncino. Una volta che la seppia inizia a dorarsi, sfumate il tutto con abbondante birra.

Aggiungete una manciata di pomodorini tagliati (a metà o in 4 parti, a seconda dei gusti). Lasciate cuocere per qualche minuto i pomodori e quando, li vedrete appassire, aggiungete la sacca del nero in padella, rompendola delicatamente con il mestolo. Basterà mescolare un po’ per vedere tutto il sugo colorarsi di un bel nero brillante.

Una volta cotta, prendete la pasta direttamente dalla pentola con l’acqua con un mestolo, senza scolarla nel colapasta. In questo modo non perde tutta l’acqua e si amalgama meglio al sugo. Spadellate sul fuoco per un paio di minuti, aggiungete altro prezzemolo tritato se gradito, e servite ben caldo.

Birra in abbinamento: pils dalle tendenze amare marcate

Tweet


Luca Carrera
Info autore

Luca Carrera

Abito in un piccolo paese nella provincia di Bergamo. Proveniente da un’istruzione alberghiera lavoro nel settore della ristorazione da anni e mi sono specializzato nella mansione di barman a tuttotondo. Nel tempo libero amo la bicicletta, la musica e ovviamente degustare dell’ottima birra. Nella mia taverna troneggia una vetrinetta dove a rotazione prendono posto una ventina di etichette, di diverse nazioni, stili e gusti, oltre a innumerevoli bicchieri e sottobicchieri collezionati nel tempo. Non ricordo con precisione quando nacque la mia passione per “il nettare biondo” e come, ma posso dire con certezza che col tempo è cresciuto a dismisura, tanto da tatuarmi sul braccio, un boccale, una spiga di grano e un fiore di luppolo. Amo le birre luppolate e agrumate, in particolare le Ipa e le Apa e non disdegno abbinare I dolci al cioccolato, di cui vado matto, con una complessa e strutturata Stout. Amo sperimentare cucinando piatti con la birra. Mi piacerebbe un giorno fare della mia passione un lavoro, creando qualcosa di innovativo.