Numero 10/2019

8 Marzo 2019

Una dolce mimosa per gli amanti della birra: Crostata morbida mimosa con la crema alla birra Wayan

Una dolce mimosa per gli amanti della birra: Crostata morbida mimosa con la crema alla birra Wayan

Tweet

Tag:, ,

Da più di mezzo secolo la torta mimosa è diventata il dolce simbolo della festa dell’8 marzo in Italia. Per gli amanti della birra e per quelli che hanno un po’ paura ad avvicinarsi alla preparazione di un pan di spagna, propongo questa versione:la crostata morbida,perché più rapida e facile nella realizzazione.

 

.

.

Come birra ho usato la Wayan di Baladin, la birra che Teo Musso ha dedicato a sua figlia. Una saison dai profumi molto complessi: “che ti trasportano tra distese di campi in fiore per farti dolcemente planare su una piana di timo e rosmarino”. Una birra che negli anni ha cambiato e migliorato.

Ingredienti:

Per la base morbida:
 5 uova a temperatura ambiente (allevate all’aperto, nr iniziale del codice stampato sulla confezione 0)
 180g di zucchero (bianco semolato oppure di canna)
 125g di burro(ricavato da panna di latte fresco, di centrifuga o di affioramento)
 150ml di latte intero.
 300g di farina macinata a pietra tipo 1 (contiene un maggiore quantitativo di crusca e di germe del grano, più ricca di sostanze nutritive)
 10g di lievito per i dolci (oppure un cucchiaino raso di bicarbonato con qualche goccia di succo di limone)
 1 limone (bio, buccia)
 1 pizzico di sale

 

.

.

 

Per la bagna:
 30ml di birra Wayan

Per la crema alla birra:
 400ml di birraWayan
 80g di zucchero
 40g di maizena oppure farina di riso
 4 tuorli

 

Frutta per decorare:

fragole o lamponi (facoltativo)

 

.

.

 

Preparazione:

Preparazione della base morbida:
Per prima cosa sciogliete il burro a bagnomaria o nel microonde, e tenetelo da parte. In una ciotola capiente, rompete le uova, versate lo zucchero, aggiungete anche un pizzico di sale e iniziate a sbattere con le fruste elettriche oppure con la frusta a mano. Montate fino a ottenere un impasto chiaro e spumoso. Aggiungete il latte, a temperatura ambiente a filo per non smontare il composto creato inizialmente. Aggiungete la farina e il lievito: avrete ottenuto una consistenza ben densa ed omogenea.
Preparate due stampi infarinati e imburrati: per la base della vostra crostata morbida avrete bisogno del cosiddetto “stampo furbo”, che vi consentirà, una volta capovolta la torta, di avere una cavità al centro per poter inserire la crema, e un secondo stampo (classico) di 20 cm. Versate i 3/4 dell’impasto nello stampo più grande e livellate con una spatola così da rendere la superficie più liscia. La parte rimanente andrà nell’altro stampo. Cuocetela in forno statico preriscaldato a 180° per circa 25 minuti. Fate sempre la prova stuzzicadenti prima di sfornare.Una volta pronte le preparazioni sfornatele, lasciatele raffreddare e poi capovolgete.
Fatto questo dedicatevi alla base più grande, che dovrà essere bagnata con della birra.
La seconda tagliatela a cubetti per decorare la crostata.

 

.

.

 

Preparazione crema alla birra Wayan:
Scaldate leggermente la birra in un pentolino, senza portarla a bollore. In una ciotola sbattete i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e cremoso. Aggiungete la farina e continuate a mescolare energicamente con una frusta per amalgamare tutti gli ingredienti. Versate a filo la birra intiepidita sul composto di tuorli, stemperate il tutto con la frusta e portate la crema sul fuoco. Cuocete la crema a fuoco basso, mescolando continuamente con la frusta fino a quando non si sarà addensata: ci vorrà circa un quarto d’ora. Trasferite la crema in una ciotola e lasciatela raffreddare con un foglio di pellicola a contatto. Trasferite la crema alla birra in una sac-à-poche con punta a stella oppure semplicemente con una spatola e farcite con essa la base morbida. Usate la seconda torta per fare dei cubetti e decorare la vostra torta; per un effetto più fresco usate anche della frutta come fragole o lamponi. Decoratela a vostro piacimento.

Buon 8 marzo a tutti! Cheers!

Tweet


Lina Zadorojneac
Info autore

Lina Zadorojneac

Nata in Moldavia, mi sono trasferita definitivamente in Italia per amore nel 2008. Nel 2010 e 2012 sono arrivati i miei due figli, le gioie della mia vita: in questi anni ho progressivamente scoperto questo paese, di cui mi sono perdutamente infatuata. Da subito il cibo italiano mi ha conquistato con le sue svariate sfaccettature, ho scoperto e continuo a scoprire ricette e sapori prima totalmente sconosciuti. Questo mi ha portato a cambiare anche il modo di pensare: il cibo non è solo una necessità, ma un piacere da condividere con la mia famiglia e gli amici. Laureata in giurisprudenza, diritto internazionale e amministrazione pubblica, un master in scienze politiche, oggi mi sono di nuovo messa in gioco e sono al secondo e ultimo anno del corso ITS Gastronomo a Torino, corso ricco di materie interessanti e con numerosi incontri con aziende produttrici del territorio e professionisti del settore. Il corso ha come obiettivo la formazione di una nuova figura sul mercato di oggi: il tecnico superiore per il controllo, la valorizzazione e il marketing delle produzioni agrarie e agro-alimentari. Così ho iniziato a scrivere per il Giornale della Birra, occasione stimolante per far crescere la mia professionalità.