Numero 51/2019

20 Dicembre 2019

Pillole di luppolo: Hallertauer Mittelfrüh

Pillole di luppolo: Hallertauer Mittelfrüh

Tweet

Tag:

L’Hallertauer Mittelfrüh è una antica e tradizionale varietà di luppolo originaria, come specifica il nome stesso, dell’areale del Mittelfrüh, regione della Baviera da sempre vocata alla coltivazione di questa essenza. La cultivar è conosciuta per l’eleganza dei suoi profumi, delicati e floreali, leggermente speziati, mentre è caratterizzata da bassi tenori di alfa acidi (circa 3%). Queste peculiarità lo rendono apprezzato come luppolo da aroma e, grazie alla sua lunga storia, afferisce a pieno titolo alla categoria dei cosidetti “luppoli nobili”.

 

.

.

 

Di seguito il dettaglio della composizione chimica tipica della varietà:

Alpha Acid 3.0 – 5.5%
Beta Acid 3.0 – 5.0%
Co-Humulone Composition 18 – 28%
Myrcene 35%-44%
Humulene 30%-55%

 

Sulla base della composizione si può definire come un luppolo da aroma piuttosto trasversale, impiegato per nobilitare le birre afferenti agli stili pilsner, hells e lager in genere.

 

.

.

 

A fronte del grande apprezzamento da parte dei mastri birrai, risulta una varietà piuttosto sensibile alle patologie che colpiscono la pianta, in particolare a peronospora, oidio e verticillosi, proprio per questo motivo nel corso degli ultimi decenni le superfici impiantate si sono ridotte drasticamente a favore di varietà più rustiche.

Sicuramente, anche grazie alla rivalutazione della birra come bevanda di qualità grazie al fenomeno delle craft beer, questo luppolo è stato riscoperto e sta godendo di una fase piuttosto favorevole: la sua nobiltà è un carattere riconosciuto a livello mondiale, pertanto l’impiego in brassatura è sinonimo di attenzione e ricercatezza nella selezione delle materie prime.

 

Tweet


Info autore

Massimo Prandi

Un Albese cresciuto tra i tini di fermentazione di vino, birra e… non solo! Sono enologo e tecnologo alimentare, più per vocazione che per professione. Amo lavorare nelle cantine e nei birrifici, sperimentare nuove possibilità, insegnare (ad oggi sono docente al corso biennale “Mastro birraio” di Torino e docente di area tecnica presso l’IIS Umberto Primo – la celeberrima Scuola Enologica di Alba) e comunicare con passione e rigore scientifico tutto ciò che riguarda il mio lavoro. Grazie ad un po’ di gavetta e qualche delusione nella divulgazione sul web, ma soprattutto alla comune passione e dedizione di tanti amici che amano la birra, ho gettato le basi per far nascere e crescere questo portale. Non posso descrivere quante soddisfazioni mi dona! Ma non solo, sono impegnato nell’avvio di un birrificio agricolo con produzione delle materie prime (cereali e luppoli) e trasformazione completamente a filiera aziendale (maltazione compresa): presto ne sentirete parlare!