Numero 30/2020

24 Luglio 2020

Pillole di luppolo: Opal

Pillole di luppolo: Opal

Tweet

Tag:

La varietà di luppolo Opal proviene dalla Germania e viene utilizzato sia per amaricare la birra grazie alle buone percentuali di alfa acidi, sia per aromatizzarla grazie alle sue note pepate e agrumate. Questo luppolo è stato prodotto per la prima volta nel Centro di ricerca tedesco sul luppolo di Hüll nel 2004. Come le altre cultivar, richiede un terreno fertile e ben lavorato e cresce meglio in ambienti freschi. Inoltre l’Opal ha sviluppato un’ottima resistenza contro le muffe selvatiche in particolare contro la peronospora.

.

.

L’amaro conferito da Opal è leggero e strutturato comparandolo ad altri luppoli principalmente da amaro in quanto il rapporto beta/alfa acidi è più equilibrato rispetto ad altri luppoli con tenori di alfa acidi largamente superiori. Il luppolo Opal sebbene abbia origine tedesca fa passare in secondo piano i classici descrittori di aroma di luppoli tedeschi come il floreale: l’aroma infatti, include lo speziato e l’agrumato, più precisamente si sentono note di pepe e di limone, il tutto avvolto da un generale aroma fruttato e floreale.

Caratteristiche chimiche medie:
Alfa Acidi: 5 – 8%
Beta Acidi: 3.5 – 5.5%
Coumulone: 13 – 17%
Oli totali: 0.8 – 1.3 mL/100g
Mircene: 20 – 45% dell’olio totale
Cariofillene: 8 – 15% dell’olio totale
Farnesene: < 1.0% dell’olio totale
Umulene: 30 – 50% dell’olio totale

L’Opal viene utilizzato in birre tedesche di frumento (weissbier), in alcune pilsner e Kolsch, ma può anche venire usato per la produzione di alcune belgian ales.

Tweet


Info autore

Massimo Prandi

Un Albese cresciuto tra i tini di fermentazione di vino, birra e… non solo! Sono enologo e tecnologo alimentare, più per vocazione che per professione. Amo lavorare nelle cantine e nei birrifici, sperimentare nuove possibilità, insegnare (ad oggi sono docente al corso biennale “Mastro birraio” di Torino e docente di area tecnica presso l’IIS Umberto Primo – la celeberrima Scuola Enologica di Alba) e comunicare con passione e rigore scientifico tutto ciò che riguarda il mio lavoro. Grazie ad un po’ di gavetta e qualche delusione nella divulgazione sul web, ma soprattutto alla comune passione e dedizione di tanti amici che amano la birra, ho gettato le basi per far nascere e crescere questo portale. Non posso descrivere quante soddisfazioni mi dona! Ma non solo, sono impegnato nell’avvio di un birrificio agricolo con produzione delle materie prime (cereali e luppoli) e trasformazione completamente a filiera aziendale (maltazione compresa): presto ne sentirete parlare!