Numero 21/2021

30 Maggio 2021

Bocconcini di tacchinella con gli champignon alla amber ale

Bocconcini di tacchinella con gli champignon alla amber ale

Tweet

Tag:, ,

 

Un piatto economico e di facile esecuzione, saporito ma delicato nello stesso tempo. La carne di tacchinella è tenera e saporita, ottima da fare ai ferri, ma anche in umido, come nel nostro caso. Abbiamo usato gli champignon: dei funghi economici e reperibili tutto l’anno. Per dare carattere al piatto lo abbiamo arricchito con una amber ale dal gusto biscottato e saporito.

.

.

Ingredienti

  • 700 g fesa di tacchinella
  • 500 g di champignon
  • 1 cipolla (media)
  • 330 ml circa di birra amber ale
  • q.b. farina
  • q.b olio extravergine d’oliva
  • q.b sale e pepe

 

Preparazione

Cominciate con la pulizia degli champignon: partite dal bordo inferiore della cappella, sollevate la pellicola che ricopre il fungo con l’aiuto di un coltellino, tiratela verso la parte centrale della testa. Tagliate la parte terrosa dei gambi e sciacquateli, poi tagliateli a listarelle. Pulite la cipolla e tagliatela sottile. Scaldate 2-3 cucchiai di olio evo in una larga padella antiaderente, fatte imbiondire la cipolla e aggiungete i bocconcini di tacchinella. Rosolate la carne e aggiungete gli champignon, che rilasceranno un po’ di acqua di vegetazione: quando l’acqua si consumerà, aggiungete la birra, un cucchiaio di farina. Amalgamate bene il tutto, salate e fate cuocere a fuoco medio, con il coperchio, per 10 -15 min.  Aggiustate di sale e pepe, servite il piatto caldo.

Si presta bene con un contorno di verdura di stagione: nel nostro caso gli asparagi.

Cheers!

 

Tweet


Info autore

Lina Zadorojneac

Nata in Moldavia, mi sono trasferita definitivamente in Italia per amore nel 2008. Nel 2010 e 2012 sono arrivati i miei due figli, le gioie della mia vita: in questi anni ho progressivamente scoperto questo paese, di cui mi sono perdutamente infatuata. Da subito il cibo italiano mi ha conquistato con le sue svariate sfaccettature, ho scoperto e continuo a scoprire ricette e sapori prima totalmente sconosciuti. Questo mi ha portato a cambiare anche il modo di pensare: il cibo non è solo una necessità, ma un piacere da condividere con la mia famiglia e gli amici. Laureata in giurisprudenza, diritto internazionale e amministrazione pubblica, un master in scienze politiche, oggi mi sono di nuovo messa in gioco e sono al secondo e ultimo anno del corso ITS Gastronomo a Torino, corso ricco di materie interessanti e con numerosi incontri con aziende produttrici del territorio e professionisti del settore. Il corso ha come obiettivo la formazione di una nuova figura sul mercato di oggi: il tecnico superiore per il controllo, la valorizzazione e il marketing delle produzioni agrarie e agro-alimentari. Così ho iniziato a scrivere per il Giornale della Birra, occasione stimolante per far crescere la mia professionalità.