Numero 32/2020

9 Agosto 2020

Vellutata di zucchine dell’orto e birra Cavagna®(bio)

Vellutata di zucchine dell’orto e birra Cavagna®(bio)

Tweet

Tag:, ,

La ricerca dei prodotti sani, buoni e sostenibili è diventata un vero e proprio stile di vita, che oltre alle scelte alimentari, condiziona il mondo del consumo in generale. Oggi seguendo il filone dei prodotti biologici e a filiera corta vogliamo proporvi un piatto leggero, facile e originale, con l’aggiunta di birra Cavagna® Bio di Cascina Motta, un’autentica birra che rispecchia il concetto di filiera corta.

.

.

Cucinate sempre con cura e passione e questo vi renderà felici!

Ingredienti:

  • 700g di zucchine dell’orto
  • 3 patate medie
  • 1 cipolla
  • olio evo q.b.
  • sale e pepe q.b.
  • 150 ml birra Cavagna® bio

Procedimento

Pulite la cipolla e tagliatela a cubetti. Scaldate 3 cucchiai di olio evo e aggiungete la cipolla, soffriggendola lentamente. Lavate accuratamente le zucchine e le patate. Tagliatele in modo grossolano e aggiungetele al soffritto: soffriggete tutto insieme per 5 minuti ad un fuoco più alto, ma fate attenzione a non bruciare troppo la cipolla. Aggiungete acqua fino a coprire leggermente le verdure. Appena comincia a bollire aggiustate di sale. Dopo 15 minuti di cottura aggiungete la birra e fate bollire il tutto altri 10 minuti. Spegnete e fatte leggermente raffreddare, dopodiché frullate il tutto con un frullatore ad immersione. Assaggiate e aggiustate di sale e pepe. Quando impiattate potete aggiungere crostini, semi oppure spezie.

.

.

Se volete provate anche con un cucchiaio di panna acida, rimarrete stupidi dai contrasti piacevoli di sapori.

Buon appetito e cheers!

Tweet


Lina Zadorojneac
Info autore

Lina Zadorojneac

Nata in Moldavia, mi sono trasferita definitivamente in Italia per amore nel 2008. Nel 2010 e 2012 sono arrivati i miei due figli, le gioie della mia vita: in questi anni ho progressivamente scoperto questo paese, di cui mi sono perdutamente infatuata. Da subito il cibo italiano mi ha conquistato con le sue svariate sfaccettature, ho scoperto e continuo a scoprire ricette e sapori prima totalmente sconosciuti. Questo mi ha portato a cambiare anche il modo di pensare: il cibo non è solo una necessità, ma un piacere da condividere con la mia famiglia e gli amici. Laureata in giurisprudenza, diritto internazionale e amministrazione pubblica, un master in scienze politiche, oggi mi sono di nuovo messa in gioco e sono al secondo e ultimo anno del corso ITS Gastronomo a Torino, corso ricco di materie interessanti e con numerosi incontri con aziende produttrici del territorio e professionisti del settore. Il corso ha come obiettivo la formazione di una nuova figura sul mercato di oggi: il tecnico superiore per il controllo, la valorizzazione e il marketing delle produzioni agrarie e agro-alimentari. Così ho iniziato a scrivere per il Giornale della Birra, occasione stimolante per far crescere la mia professionalità.