Numero 43/2020

25 Ottobre 2020

Paté di fegato di coniglio alla birra ambrata

Paté di fegato di coniglio alla birra ambrata

Tweet

Tag:, ,

Il paté classico francese si chiama foie gras e si prepara principalmente con fegato d’oca o anatra, ma il paté fin dagli antichi romani si è sempre preparato mischiando carni (frattaglie), pesce, verdure con del grasso animale o vegetale. Il pâté si consuma freddo e dura anche una settimana in frigorifero. Normalmente nella sua preparazione si usa il marsala oppure distillati come cognac o brandy. Noi invece l’abbiamo provato con una birra ambrata, del birrificio piemontese Jeb: aromatizzata con un blend di 5 spezie.

Ingredienti:

  • 300 g di fegato di coniglio
  • ½ cipolla
  • 1 mela
  • olio evo (extravergine d’oliva) q.b.
  • 1 foglia di alloro
  • 50 ml di birra ambrata
  • 100 g di burro
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • frutta come decorazione (facoltativo)

.

.

Preparazione:

Togliete il burro dal frigo e lasciatelo ammorbidire a temperatura ambiente. Sciacquate sotto acqua fredda corrente i fegatini di coniglio, tamponateli con della carta da cucina e tagliateli a fettine. Tritate la cipolla e fatela appassire in una padella con dell’olio evo a fiamma bassa, quindi unite i fegatini insieme alla mela sbucciata e tagliata a fettine sottili e alla foglia di alloro. Cuocete per pochi minuti, a fiamma più alta, bagnate con della birra e fate evaporare. Aggiustate di sale e di pepe, quindi togliete dal fuoco e fate raffreddare.  Eliminate l’alloro e frullate con un mixer fino ad ottenere un composto abbastanza omogeneo. Aggiungete il burro morbido e frullate fino ad ottenere una crema consistente. Trasferite in un contenitore rivestito di pellicola alimentare e fate raffreddare in frigorifero per qualche ora ore prima di servire.

.

.

Servite il paté prima di un pasto oppure come aperitivo su una fetta di pane. Potete accompagnare il vostro paté con dell’uva o mele la cui acidità bilancia il grasso del paté e ovviamente con la vostra birra preferita. Il paté si conserva, rivestito da pellicola alimentare, una settimana in frigorifero.

Cheers!

Tweet


Lina Zadorojneac
Info autore

Lina Zadorojneac

Nata in Moldavia, mi sono trasferita definitivamente in Italia per amore nel 2008. Nel 2010 e 2012 sono arrivati i miei due figli, le gioie della mia vita: in questi anni ho progressivamente scoperto questo paese, di cui mi sono perdutamente infatuata. Da subito il cibo italiano mi ha conquistato con le sue svariate sfaccettature, ho scoperto e continuo a scoprire ricette e sapori prima totalmente sconosciuti. Questo mi ha portato a cambiare anche il modo di pensare: il cibo non è solo una necessità, ma un piacere da condividere con la mia famiglia e gli amici. Laureata in giurisprudenza, diritto internazionale e amministrazione pubblica, un master in scienze politiche, oggi mi sono di nuovo messa in gioco e sono al secondo e ultimo anno del corso ITS Gastronomo a Torino, corso ricco di materie interessanti e con numerosi incontri con aziende produttrici del territorio e professionisti del settore. Il corso ha come obiettivo la formazione di una nuova figura sul mercato di oggi: il tecnico superiore per il controllo, la valorizzazione e il marketing delle produzioni agrarie e agro-alimentari. Così ho iniziato a scrivere per il Giornale della Birra, occasione stimolante per far crescere la mia professionalità.