Numero 08/2022

27 Febbraio 2022

Cubi di tonno, con aceto di menta, ai frutti di bosco e menta

Cubi di tonno, con aceto di menta, ai frutti di bosco e menta

Tweet

Tag:, ,

Ricetta gourmet, dai sapori ricercati che vede protagonista un prodotto decisamente insolito e particolare: l’aceto di birra. Si tratta di un aroma decisamente diffuso in centro Europa, ma che trova ancora poco utilizzo in Italia. Interessante reperirlo realizzato dai birrifici artigianali, per avere un sapore ancora più autentico ed unico!

Ingredienti per 4 persone:
1 kg di tonno pinne gialle abbattuto per consumo crudo (filetto)
salsa di soia (8 cucchiai)
pepe bianco
100 ml di aceto di birra chiara
30 ml di acqua
1 cucchiaio di zucchero di canna
300 gr. di frutti rossi freschi (ribes e fragole)
1 limone
mente romanesca

 

Preparazione:
Preparare con anticipo l’aceto di birra alle fragole e ai ribes, preparando un coulis con i frutti rossi, decomponendo la frutta con zucchero e acqua e passando il tutto al setaccio per ottenere un composto liquido e liscio.
Unire il coulis all’aceto di birra e all’acqua e lasciare in infusione al buio.
Tagliare il pesce da freddissimo a cubetti. Aggiungere la salsa di soia e l’aceto di ribes e fragole al tonno, irrorandolo a gocce sempre da freddissimo.
Servire la tartare con foglioline di menta e spicchi di limone.

Tweet


Ignazio Lorusso
Info autore

Ignazio Lorusso

Nato a Bari nel Giugno del 1979, infanzia vissuta studiando le pubblicazioni di Peppino Manzi.. con il suo “Bar Story” mi faceva sognare mentre imparavo, ho lavorato con i miei nel bar di famiglia, cercando di vendere più aperitivi possibile a quell’età era divertente e gratificante.
Conseguita la qualifica alberghiera,a 17 anni ho mollato la mia città, alla quale non ero particolarmente legato,e a Rimini, estate ’97, ero il Barman di un hotel 4 stelle, consapevole che il bere miscelato era stimolante e remunerativo, ho lavorato in villaggi turistici, Hotel, American Bar , Pub, fin quando nell’estate 2008 ero alla Festa della Madonna di Palo del Colle (ba) e dei ragazzi (diventati miei grandi amici) avevano allestito un banchetto dinanzi al loro beer-shop, di qualità ce n’era tanta, e fra una Macete e una Sierra Nevada, Palo del Colle diventò il salone del gusto! Dinanzi alla statua, li a illuminarmi, capì che le birre artigianali erano il mio cammino.
Da allora di strada, la vista, l’olfatto e il gusto ne hanno fatta, grazie alle serate di degustazione, amicizie con brewer e ora sono qui Responsabile di un pub beer-shop indipendente nella mia città cercando di convertire e nel mio piccolo istruire i bevitori di liquidi dal sapore lontano alle birre. Un autodidatta eclettico ma umile.